I prestiti per i giovani sono finalizzati a realizzare quelli che sono i sogni e le esigenze dei ragazzi di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Essendo una categoria speciale, in quanto formata da soggetti che spesso non sono in possesso di garanzie sul piano economico, ne sono state ideate particolari forme: i destinatari sono, soprattutto, giovani imprenditori e studenti, talvolta sprovvisti di lavoro e, quindi, di uno stipendio fisso.

Il prestito a fondo perduto: lo strumento utile per realizzare un progetto.
I prestiti a fondo perduto sono particolari forme di finanziamento pensate per coloro che hanno meno di 35 anni. Se ne possono distinguere di diverse tipologie, tra cui: quelli classici, quelli statali e quelli europei. Ciò che li contraddistingue rispetto agli altri è la mancata restituzione del denaro nonché degli interessi maturati. Per accedervi, innanzitutto, si deve essere promotori di un progetto nonché in possesso di una specifica documentazione da presentare, tra cui rientrano: il certificato di iscrizione al registro delle imprese della Camera di Commercio; quello di assegnazione, proprietà o locazione dello stabile dove si esercita la propria attività, il quale deve essere adeguato agli scopi dell’azienda; domanda delle agevolazioni e scheda tecnica, ovvero documenti dove indicare tutti gli elementi fondamentali che caratterizzano l’impresa.

I prestiti per gli studenti e per i giovani senza lavoro.
Lo scopo principale dei prestiti pensati per gli studenti è quello di aiutarli a portare a termine il loro percorso di studi o di seguire un corso post laurea o, ancora, un master. Questi traggono la propria origine da una convenzione tra le facoltà universitarie e gli istituti erogatori e sono contraddistinti da un tasso agevolato. Quelli, invece, a cui possono accedere i giovani imprenditori sono: i prestiti a fondo perduto e il Fondo garanzia giovani (quest’ultimo si rivolge a coloro che hanno meno di 29 anni). Infine, anche chi risulta essere privo di un lavoro stabile può accedere ad una forma di finanziamento subordinata a particolari garanzie, come un fideiussore, ovvero un terzo garante, o anche l’iscrizione di un ipoteca sui propri beni immobili.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *